Er Girasole

Un’ape dispettosa e impertinente
cor vizio de volà de fiore in fiore
un giorno pija de petto ‘n girasole
che stava in mezzo a ‘n campo a nun fa gnente.

Tra i fiori che conosco sei er più fesso –
je dice senza giri de parole –
te giri sempre intorno su te stesso
e tutto er giorno cori dietro ar sole.

Tu guardi er monno co la testa china,
rispose er girasole ‘n po’ scocciato,
te posi su la rosa e su la spina
ma er sole ‘n faccia nun l’hai mai guardato

Tra tutti quanti i fiori, invece io
so l’unico a potello guardà ‘n faccia
e se ciò freddo, sai che fa? M’abbraccia!
lo guardo dentro l’occhi e vedo dio.

Comments are closed.